Per ogni nuovo figlio nato, adottato o preso in affidamento nel 2021, viene concesso ai neogenitori un premio, consistente in una somma di denaro. Parliamo del Bonus Bebè, erogato dall’INPS dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021.

Quando richiedere il Bonus Bebè e requisiti essenziali

A chi spetta il bonus bebè 2021? É questa la domanda maggiormente diffusa tra le neomamme.
Per richiedere il bonus occorre presentare all’INPS la domanda bonus bebè entro una specifica scadenza: entro 90 giorni dalla nascita o dall’entrata in famiglia del minore.

Per accedere sono richiesti questi requisiti:

  1. essere cittadini italiani, comunitari o extracomunitari in possesso di idoneo titolo di soggiorno;
  2. residenza in Italia del genitore richiedente;
  3. convivenza con il minore del genitore richiedente.

 

Modalità di pagamento

Il bonus bebè 2021 prevede un pagamento suddiviso in singole rate mensili pagate direttamente al beneficiario dall’INPS.

In particolare, può essere concesso in un’unica soluzione quando:

    • è stato compiuto il settimo mese di gravidanza;
    • la nascita è avvenuta;
    • infine, se è stato adottato un minorenne, nazionale o internazionale, e nei casi di affidamento preadottivo, nazionale o internazionale.

 

A quanto ammonta il bonus bebè?

Il bonus bebè 2021 prevede due diversi importi che dipendono dal reddito Isee della famiglia.

Difatti, il pagamento prevede diverse modalità:

  1. Isee non superiore a 7.000 euro annui: il pagamento del Bonus Bebè consisterà in un assegno mensile di 160 euro;
  2. Se l’Isee è tra 7.000 e 40.000 euro annui: l’assegno di natalità consisterà in 120 euro mensili.
  3. Isee superiori a 40.000 euro: l’importo mensile del bonus bebè è di 80 euro al mese.

In caso di mancata presentazione del reddito Isee, l’assegno sarà riconosciuto nella sua minima misura (80 euro mensili).

 

 

Decadenza, interruzione, revoca

I beneficiari del bonus bebè decadono in diversi casi:

  • decesso del figlio;
  • revoca dell’adozione;
  • decadenza dell’esercizio della responsabilità genitoriale;
  • affidamento esclusivo del minore al genitore che non ha presentato la domanda;
  • affidamento a persona diversa dal richiedente.

Cosa comprare con il Bonus Bebè 2021

Sicuramente i pannolini rappresentano il bene maggiormente acquistato con il bonus bebè dalle famiglie che hanno appena avuto un figlio. Ma non meno importanti sono la carrozzina, il seggiolino per l’automobile e il passeggino, prodotti indispensabili per i primi tre anni di vita del bambino.

E l’abbigliamento? Con la velocità con cui crescono i bambini c’è bisogno di un continuo cambiamento di vestiario. Per questo il bonus bebè 2021 viene esteso ai bambini fino a 14 anni.

Infine, con il Bonus Bebè possono essere acquistati tutti quei prodotti necessari nei primi mesi di vita del bambino, indispensabili per la sua sicurezza e il benessere dell’intera famiglia: Monitor per tenerli sotto controllo in ogni momento della giornata, sterilizzatori per ciucci e biberon e giocattoli.